Social Score

Si chiamerà Andromeda l’unione tra i due “androidi” Google più conosciuti: Chrome e Android, come sarà ufficialmente annunciato oggi alle 18 a San Francisco. A for Andromeda è stata una  serie di successo trasmessa dalla BBC nel 1961 e ripresa in un famoso sceneggiato portato sugli schermi nel 1972 anche in Italia. Topic principale, la fantascienza. Ecco perché abbiamo giocato un pò col titolo di questo articolo. Oggi si spinge molto sull’idea di preannunciare cambiamenti epocali, proponendo una fantascienza spicciola, alla portata di mano, che potremmo definire “fantascienza della porta accanto”.

“Andromeda” è però, soltanto una delle novità che oggi Google mette in campo. Vediamo quindi, in breve, cosa bolle in pentola a San Francisco oggi, 4 ottobre, alle ore 18,00. “Segreto di pulcinella” o qualcosa in grado di sbaragliare veramente la concorrenza con passi avanti concreti ed evidenti? Se non tocchiamo non vediamo, questo è vero, parafrasando la famigerata frase di san Tommaso narrata nel vangelo di San Giovanni. E soprattutto, se non usiamo non capiamo.

Considerato dai media probabilmente come l’evento più importante dalla presentazione di Android, vedrà al centro il pensionamento dei vecchi sistemi operativi. Le novità principali presentate riguarderanno l’introduzione dei nuovi super smartphone targati Big G, ovvero Google Pixel e Pixel XL, il visore di realtà virtuale VR, integrata nel DayDream, il nuovo android Nougat. Novità anche sul fronte Home con l’assistente vocale domestico. Come preannunciato dal vice presidente di Android, Google Play e Chrome Hiroshi Lockheimer in un tweet la settimana scorsa, l’evento del 4 ottobre potrebbe essere tra i più importanti della storia Android-Google, una sorta di spartiacque tra nuovo e vecchio corso.

horoshi-annuncio-android

La strategia Google è ovviamente quella di battere il chiodo sulle novità soprattutto per sbaragliare e rispondere alla concorrenza, vedi Amazon in prima linea.

Di Andromeda abbiamo parlato già all’inizio e vi dedichiamo qualche cenno in più. Sistema operativo partorito dall’unione di Android e Chrome è, in sostanza, un sistema operativo unico per tutti i dispositivi Google, un s.o. ibrido che potrebbe spingere ancora di più i computer targati Big G.

Sempre connessi con Google Home

Google home potrebbe fare la differenza con gli altri assistenti vocali (vedi Amazon Echo). Google Home, da come si evidenzia in un video presentato a Giugno, assumerebbe le veci di un vero e proprio maggiordomo: dal remainder vocale degli appuntamenti all’accensione della musica, dall’invio dei messaggi in connessione con Tv, Chromecast e Chromecast Audio, uno stadio avanzato di IoT quindi.

google-assistent

Streaming ultra veloce

Per quanto concerne lo streaming la novità Google riguarda la coppia Chromecast 4K e Chromecast audio con una loro naturale evoluzione tecnologica, in grado di supportare Youtube, Netfix e Google Foto.

Chromecast sarà in grado di supportare l’ultra HD, per assecondare i nuovi standard relativi alla “visione” di console e Tv.

 

Oltre i Nexus

I nexus, gli smartphone prodotti da Google sono concessi in licenza a Big G e realizzati da altri.  Pixel sarà, invece, uno smartphone o una gamma di smartphone (dipende dal successo che avranno) realizzato completamente da Google. A fare la differenza con il mercato di riferimento, come appare dai render trapelati in rete, potrebbero essere, a questo punto, funzionalità e qualità del software.

google-pixel

Probabilmente, tra le novità, l’Android Wear e il Google Wi-Fi, un router in grado di potenziare il segnale del Wi-Fi e di carpire il segnale delle reti pubbliche.

Per ora solo rumors e supposizioni.

Aspettiamo di vedere, allora, la presentazione di oggi per capirne di più e soprattutto per “vedere” se si tratta di (vera) fantascienza o di un già visto e sentito.

Social Score
Autore: Andromeda Aliperta
letture : 528
Web Content Manager
Area Digital Marketing
Appassionata di fantascienza, nonsense e paradossi, cinema d’essai e musica, nella sua vita ha consumato quintali di carta scrivendo e leggendo un po' di tutto: saggi, romanzi, poesie, racconti, lettere d’amore, liste della spesa, reclami di vario genere e natura.
Dal 2000 si interessa alla comunicazione digitale in tutte le sue declinazioni e comincia a frequentare corsi e master creando contenuti per il web, a 360°.

Iscriviti a nostra newsletter: zero spam, tanti contenuti utili ogni settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *