Social Score

Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram. Per ogni profilo social, cambiamo i nostri “abiti”, il modo in cui ci rivolgiamo ai nostri contatti e i tipi di contenuto che pubblichiamo.

Spesso questo mutare di atteggiamento avviene in modo del tutto inconsapevole, ma uno studio del Penn State’s College of Information Sciences and Technology (IST), negli Usa, e del King’s College di Londra presentato alla International AAAI Conference on Web and Social Media (ICWSM) ha messo in evidenza questi cambiamenti.

Dopo aver analizzato un campione di circa centomila utilizzatori di social, sono arrivati ad identificare i profili degli utenti di Facebook, Twitter, LinkedIn e Instagram.

Facebook: il social del tempo libero

Lo studio presentato ha messo in evidenza un’importante analisi fatta su questa piattaforma: la maggioranza delle immagini postate, sono state scattate all’aperto, raramente sull’ambiente di lavoro e spesso in attività che riguardano il tempo libero e che trasmettono sensazioni di relax e divertimento

Compaiono anche molti scatti di gruppo, meno del 60% degli utenti ha un’immagine del profilo che ritrae una singola persona.

Il tono di voce, allo stesso modo, è prevalentemente informale; i contenuti sono spiritosi e creativi, non troppo lunghi e volti a catturare l’attenzione. Su Facebook si fa appello alle emozioni di chi ci legge e al suo coinvolgimento.

shutterstock_216325438 (1)

Twitter: il social dell’informazione

Sulla piattaforma di Jack Dorsey le immagini di paesaggi, di spensieratezza e informalità, cedono il passo ad una prevalenza di forme e testi, maggiormente nelle immagini del profilo.

Chi usa Twitter lo fa soprattutto per ricevere informazioni concrete, sintetiche e immediate. Il tono è soprattutto “concreto”, data la sua soglia dei 140 caratteri.

C’è anche un altro studio, però, condotto dal ricercatore Victor Manuel Pérez Martínez, da cui si evince come Twitter sia anche un social che gli utenti utilizzano per condividere contenuti riguardanti i significati positivi sulla vita familiare, la celebrazione di momenti importanti (feste o celebrazioni speciali)

LinkedIn: il social dei professionisti

Le analisi degli studiosi americani e inglesi, hanno rilevato che il 90% degli iscritti a LinkedIn sorride nelle immagini del profilo, quasi sempre rappresentanti una singola persona.

I contenuti degli utenti di questa piattaforma mantengono, quasi sempre, un coerente stile comunicativo, trasmettendo, così, continuità nell’attività social. Il tono di voce è formale, non troviamo le frasi poetiche di Facebook o le immagini emozionali, ma gli utenti tendono spesso a condividere le proprie passioni: spesso sono un ottimo modo per creare contatti.

Instagram: il social del relax

Sul social dai colori arcobaleno, che cresce cinque volte più veloce degli altri social network, si ritorna alla condivisione di contenuti rilassati e spensierati. Le analisi dimostrano che il 40% degli utenti impostano come immagine del profilo foto di paesaggi o di cartoon e usano parole come “amore” e “vita” nelle descrizioni.

Come per LinkedIn, anche Instagram dimostra una sviluppata coerenza di contenuti: spesso gli utenti scelgono una palette di colori per la composizione della board.

Instagram è il social del life style, della condivisione di momenti, basato sul visual design e su un senso di familiarità che si crea tra utente e followers, racchiusi in una fascia di età abbastanza giovane, anche se, negli ultimi anni, sono raddoppiati gli adulti iscritti.

Social Score
Santa D Errico
letture : 499
Social Media Editor
Area Digital Marketing
Curiosa, determinata e con il desiderio di conoscere i perché di ogni cosa. Da piccola voleva diventare chirurgo, da grande, invece, voleva scrivere; ha incontrato il mondo della comunicazione per puro caso, ma se ne è subito innamorata.

Iscriviti a nostra newsletter: zero spam, tanti contenuti utili ogni settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *